MENU

Azienda

L’Azienda Speciale Servizi Cultura, Turismo e Spettacolo – Teatri di Civitanova

Nasce il 1 gennaio 2005 mediante la trasformazione giuridica dell’Azienda Municipalizzata che fu  istituita nel 1973.
Secondo l’art 114 del D.L. 18 agosto 2000 n° 267, l’Azienda Speciale è Ente strumentale dell’Ente locale dotato di personalità giuridica, di autonomia imprenditoriale,e di proprio statuto, approvato dal Consiglio Comunale.
L’azienda Speciale Teatri di Civitanova è una consolidata realtà nel panorama della vita culturale della città di Civitanova Marche con un’affermazione sia sul piano della qualità dell’offerta, che della quantità di pubblico coinvolto.
Ogni anno circa 150.000 persone, tra spettatori e partecipanti alle varie iniziative, sono state coinvolte dagli eventi gestiti dai Teatri di Civitanova.
Il valore della produzione nel 2014 è stato pari a € 1.138.000, il fondo di dotazione comunale pari ad €  900.000,00.

La capacità di autofinanziamento della struttura  si attesta intorno al 35% del bilancio complessivo.

L’azienda gestisce direttamente i seguenti locali:
il Cine-teatro Rossini, il Cine-Teatro Cecchetti, il Teatro Annibal Caro, l’Auditorium S. Agostino, la Pinacoteca Comunale Marco Moretti, lo spazio Museale San Francesco.

Le varie iniziative di eccellenza curate direttamente  dall’Azienda sono le grandi mostre di Civitanova Arte, il Festival estivo Internazionale Civitanova Danza, il cartellone dei Teatri di Civitanova e la Rassegna invernale di Civitanova Danza tutto l’anno, la Rassegna d’arte vivente Vita-Vita, Futura Festival, Rive Festival, Civitanova Classica, A Teatro con Mamma e Papà, l’attività cinematografica e tutti gli eventi di intrattenimento vario che sono patrocinati organizzati dal Comune di Civitanova Marche e organizzati dai privati, associazioni culturali e scuole nei vari contenitori culturali della Città.

Con l’innovativa formula di azienda municipalizzata prima e speciale poi, l’Azienda irrompe nella vita cittadina affermando e sostenendo l’idea fortemente innovativa di una istituzione non più rivolta ad un “èlite” ma a tutti i cittadini, di un servizio non più dedicato allo svago ma indissolubilmente legato alla crescita sociale e culturale del territorio mediante la stabilità di una struttura operativa, di un’organizzazione moderna ed efficiente, di una dinamica ed energica azione di allargamento dell’utenza. E’ legata a questo tipo di mission l’idea di una politica dei prezzi decisamente concorrenziale con l’obiettivo di raggiungere la  più vasta partecipazione di pubblico, attraverso anche la promozione ed organizzazione di seminari, convegni, incontri, procedendo alla pubblicazione dei relativi atti, o documenti.

Molte energie sono state finalizzate, nell’ultimo decennio, alla realizzazione dei Festival, come Civitanova Danza, Popsophia prima, Futura Festival poi, Rive Festival, Civitanova Classica, Vitavita, che portano annualmente a Civitanova compagnie e personaggi di livello nazionale ed internazionale, con la realizzazioni di laboratori, favorendo l’interdisciplinarietà delle diverse attività, le occasioni e le possibilità di ritrovo e scambio di diverse esperienze culturali.

Per favorire il massimo coinvolgimento del pubblico è stato potenziato il settore immagine e comunicazione, sviluppando nuove strategie di promozione e marketing, creando vari siti ( www.tdic.it; www.civitanova danza.it; www.pinacotecamoretti.it; www.futurafestival.it; www.vitavita.info) e pagina facebook:https://it-it.facebook.com/teatridicivitanova.

 

Consiglio di Amministrazione:
Silvia Squadroni – Presidente
Aldo Santori – consigliere (vice-presidente)
Giovanna Capodarca – consigliere
Michela Gattafoni – consigliere
Fabiola Polverini – consigliere

Collegio Revisori Conti
Paride Castricini – Presidente
Alessandro Piantoni – revisore
Noemi Micucci – revisore

Organigramma

Direttore Generale
Pierluigi Borraccetti

Direttore pinacoteca
Enrica Bruni

Responsabile tecnico
Pio Amabili

Segreteria direzione
Mariella Ranieri

Tecnici macchinisti/operatori cinematografici
Enzo Cafini, Maura Mancinelli, Mirko Paoloni, Giuseppe Vallesi

 

Comments are closed.