MENU
civitanova-classica

Il nuovo cartellone di Civitanova Classica

È l’Orchestra Filarmonica Marchigiana ad inaugurare la nona edizione di Civitanova Classica Piano Festival, con la direzione artistica di Lorenzo Di Bella. Mercoledì 7 dicembre (data che coincide anche con l’inaugurazione della Scala di Milano) al Teatro Annibal Caro di Civitanova Alta, la FORM suona insieme a Ivan Donchev, pianista bulgaro di grande talento, un musicista in grado di coinvolgere il pubblico per la sua capacità di emozionare tramite una tecnica impeccabile. Donchev e l’Orchestra Filarmonica Marchigiana sono guidati nell’esecuzione di musiche di Beethoven e Mendelssohn dalla direzione di David Crescenzi.

Il cartellone è stato presentato questa mattina dall’Assessore alla Cultura Giulio Silenzi, dalla presidente TDC Rosetta Martellini e dal direttore artistico Lorenzo Di Bella. “Viene mantenuta la grande tradizione di Civitanova Classica – afferma Silenzi – , tra le eccellenze del nostro territorio regionale”.

Il secondo appuntamento è il 28 gennaio con Spazio Giovani. Nella sala lettura della biblioteca, grazie alla collaborazione con la “Zavatti”, si esibisce il duo di giovani fratelli: la ventunenne Elena Baldoni al pianoforte e il diciottenne Matteo Baldoni al violino. L’ingresso è gratuito.

Guardando sempre ai giovanissimi, a febbraio, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana incontra gli studenti dell’Istituto comprensivo “via Tacito” in un modo davvero divertente e curioso, cercando di avvicinare le nuove generazioni al linguaggio della musica, con naturalezza. Con Il Carnevale degli animali di Saint-Saëns si presentano le diverse famiglie di strumenti, associandole per somiglianza di suono o suggestione ad animali. Una composizione nata nel 1886, dedicata ai bambini e alla loro immaginazione.

Il 12 marzo si torna al Teatro Annibal Caro di Civitanova Alta, dove la bellezza della musica si sposa alla storia e alla filosofia. “Questa edizione presenta un’innovazione significativa – sostiene la presidente TDC Martellini – : il programma dialoga con il mondo dell’arte, della filosofia e di altre discipline. Un confronto con numerose prospettive che dà alla musica una forte contemporaneità. Importante anche il rapporto con la città, voglio ricordare che l’anteprima della rassegna è avvenuta all’interno delle celebrazioni per Annibal Caro”. Il quarto appuntamento è un viaggio in compagnia del pianista Lorenzo Di Bella che interpreta Kreisleriana, un ciclo di pezzi per pianoforte, scritto da Robert Schumann nel 1838, che raccoglie otto momenti musicali molto differenti tra loro e che vengono definiti come l’opera chiave della poetica romantica tedesca. Ad approfondire le tematiche intervengono il filosofo Cesare Catà e il critico letterario Massimo Arcangeli, amico di Futura Festival e di Civitanova Marche.

“È un cartellone della maturità – dichiara Di Bella – . Con gli ultimi due concerti, completiamo tutta la produzione per pianoforte di Fryderyk Chopin, con artisti di livello internazionale e l’Orchestra Filarmonica Marchigiana”. Il 9 aprile, la FORM, diretta dal direttore Jiri Petrdlík, si misura con i solisti Anna Miernik al pianoforte e Jirí Vodicka al violino. Il concerto, con la collaborazione della Pinacoteca “Marco Moretti”, viene arricchito da un intervento dello studioso Stefano Papetti sul patrimonio storico artistico. Il 10 maggio, invece, sul palco del Teatro Annibal Caro salgono l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, i pianisti Lorenzo Di Bella e Yoko Kikuchi, diretti da Micheal Maciaszczyk. Anche in questa occasione, uno spazio viene dedicato all’arte con lo storico Stefano Papetti.

Civitanova Classica Piano Festival viene realizzato dall’Associazione Arte in Musica, grazie al Comune e all’Azienda dei Teatri di Civitanova, con il sostegno della regione Marche  e con il contributo indispensabile delle aziende: il main sponsor ICA Group e i partner Boccadigabbia, Bastianelli, Tecnolift ascensori, Alfred, Roberto Valli, Dimorae e BCC di Civitanova Marche e Montecosaro.

Biglietti disponibili su vivaticket.it e nelle biglietterie AMAT. Anche per Civitanova Classica Piano Festival sono a disposizione 10 ingressi per i cittadini dei comuni terremotati ospitati nelle strutture civitanovesi.

civitanova-classica-programma

Programma Civitanova Clasica

Comments are closed.